Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 

I larici e le loro qualità

Abbiamo già appurato che il larice è una conifera, sebbene un po' più testarda. Ma ora ti parleremo delle sue speciali proprietà, della sua resina e il modo in cui viene utilizzato allo Zallinger.

I larici diventano antichi. Ad esempio, a St. Gertraud in Ulten, ci sono le 3 conifere più antiche d'Europa. Hanno più di 850 anni e sono decisamente segnate dai cambiamenti atmosferici. Pensate che nel 2002, durante alcuni scavi sull'Alpe di Siusi, vicino alla Edelweißhütte, le scavatrici si sono imbattute in un tronco gigantesco alla profondità di circa 6 metri.
L'allora geologo provinciale Ludwig Nössing rimase stupito quando le misurazioni rivelarono che il curioso ritrovamento aveva 11.600 anni e quindi si trattava dell'albero più antico sia in lungo che in largo. Tutti questi millenni non hanno danneggiato più di tanto il legno e noi sappiamo anche il perché: il legno del larice è considerato il più duro e forte tra le conifere e proprio per la sua resistenza alle intemperie e ad altre influenze esterne, viene utilizzato più che altro come legno da costruzione e da arredamento. Per noi era più che ovvio che per la costruzione dei nostri chalet si dovesse usare esclusivamente il larice.
Ma il larice è così popolare non solo per la sua longevità...
La corteccia, i suoi giovani germogli, la pece (resina) e soprattutto i suoi aghi, vengono usati anche per scopi medici. L'olio che ne deriva ha un forte effetto positivo sul corpo e sulla mente, riequilibra gli sbalzi d'umore, migliora l'entusiasmo, è miracoloso contro lo stress e aiuta persino i pazienti con forte esaurimento nervoso.
Infezioni influenzali e raffreddori possono essere curate con tinture di essenze di larice antibatteriche e fluidificanti, che possono essere utilizzate anche come inalazioni per guarire bronchiti o polmoniti.
Già nel Medioevo, la resina di larice veniva applicata sulle ferite per alleviare il dolore e disinfettare. Durante il sanguinamento delle gengive, se si masticavano piccole perle di resina si favoriva il naturale processo di guarigione. Un effetto psico-rinforzante ed energizzante era già noto a tutti a quell'epoca.

Come hai potuto vedere, questo particolare albero è davvero un tuttofare. Siamo orgogliosi che il larice non solo adorni l'Alpe di Siusi, ma sia presente in modo decisivo allo Zallinger con tutte le sue qualità positive.
RITORNA ALLA LISTA
CONDIVIDI SU
Zallinger
Saltria 74.39040 Alpe di Siusi.T +39 0471 727947
.www.zallinger.com
Newsletter
 
 
Abbonati