Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 

Pressa, tesoro! Pressa!

Storia del Törggelen

Chi sia stato a dare vita a questa festa non si sa, forse i commercianti di vino della Valle Isarco che si incontravano a fine estate o forse gli allevatori di bestiame. In ogni caso, da quel giorno è passato molto tempo e tante generazioni di altoatesini sono cresciute seguendo la tradizione del Törggelen. La gente discute animatamente ancora oggi su quale sia il luogo nascita del Törggelen, anche se la scienza è certa della provenienza di questo nome: anzitutto c’è la parola torquere che significa pressare poi torggl che è la stanza dove viene posizionato il torchio. Come potete notare tra una parola e l’altra c’è poca differenza; in più, il vino è un componente fondamentale del Törggelen, soprattutto sotto forma di Nuien (novello), il vino nuovo che deve essere abbondantemente degustato. 
Qui, anche il cibo viene preso molto sul serio! Al Törggelen cosa viene servito e in quale ordine viene servito è certo quanto l’amen in una preghiera: prima la zuppa d’orzo, poi gli spatzeln (gnocchetti) e il tris di canederli o le schlutzkrapfen (mezzelune). 

Come piatto principale viene servito un tagliere con vari tipi di carne, costine, salsicce e carne affumicata e come contorno patate, canederli e pane del contadino. Poi arriva un momento delizioso: tirschtlan (ravioli ripieni fritti), frittelle di mele o strudel addolciranno la tavola. Infine, per chiudere in bellezza arrivano le vere star del Törggelen: le keschtn (caldarroste). 
Bene, ora che abbiamo illustrato il “cosa” dobbiamo parlare del “quando” e del “dove”.

Quando: la stagione del Törggelen inizia, come da tradizione, i primi di ottobre, ma con un po’ di fortuna potrete trovare un’osteria aperta anche a settembre.
Dove: Tutte le locande e le baite e tutti i masi che appendono un buschen (cespuglio) con un nastro rosso sulla porta sono pronte ad accogliere gli ospiti del Törggelen. 
Bisogna essere anche molto veloci perché i posti disponibili sono rari e molto richiesti.

Se soggiornerete da noi, durante la stagione del Törggelen, saremo lieti di accompagnarvi in uno dei luoghi più rustici di sempre per vivere la quinta stagione altoatesina all’insegna della tradizione e indovinate un po’… tutto questo è incluso nel nostro “pacchetto vacanza Törggelen”! 

Avete domande da fare? Volete chattare con noi? Nessun problema! 
Aspettiamo la vostra mail o la vostra chiamata!
RITORNA ALLA LISTA
CONDIVIDI SU